Italy

Seleziona la tua posizione

Italy

Macchine da costruzione

Massima efficienza e minime emissioni: soluzioni specifiche per ogni esigenza

Le macchine da cantiere rappresentano un settore storico della meccanizzazione italiana. Quello che conta in queste applicazioni sono soluzioni di azionamento e controllo, che si distinguono per affidabilità delle prestazioni, riduzione dei costi di gestione, robustezza e facilità d'uso.

Quando si tratta di azionamenti per la trazione, l'enfasi è posta principalmente sulle trasmissioni idrostatiche e sui riduttori epicicloidali. Nell’ambito dell’idraulica di lavoro, si è ormai ampiamente diffuso l'uso del load sensing e dei sistemi di flow sharing.

  • Risposte specifiche alle normative in materia di emissioni (US) TIER 4 final ed Euro Stage IV
  • Riduzione del consumo di combustibile e dinamica di sistema ottimizzata con DHC

Alcune soluzioni innovative equipaggiate con Rexroth presenti a BAUMA 2016

Fassi Gru e Bosch Rexroth partner per l'eccellenza

Una collaborazione storica nata 30 anni fa, che nel tempo si è consolidata e oggi spinge il gruppo industriale italiano verso orizzonti sempre più innovativi.

La qualità per Fassi da sempre è un “must”, fin dalle sue prime gru nate più di cinquant’anni fa. Le gru Fassi nascono da scelte progettuali votate all’eccellenza, ogni prototipo deve superare severi test di collaudo prima di passare alla produzione. In fine l’automazione dei processi produttivi garantisce il rispetto dei più rigorosi standard di qualità garantendo l’eccellenza del prodotto finito: la “gru senza compromessi” di Fassi.

Per questo la collaborazione con Bosch Rexroth si è sviluppata assecondando sempre la richiesta di eccellenza che l’azienda italiana ha voluto mantenere negli anni come valore fondamentale delle proprie scelte di business. Bosch Rexroth oggi, grazie alla propria competenza e all’esperienza acquisita nel corso degl’anni, è capace di sviluppare risposte su misura per Fassi.

Sono ormai più di dieci anni che il gruppo industriale di Albino utilizza la tecnologia della componentistica elettroidraulica dell’azienda tedesca. Un connubio che si è consolidato nel tempo, una partnership essenziale per offrire un prodotto di qualità apprezzato dal mercato.

La ricerca continua negli anni di nuove soluzioni tecnologiche, caratteristica fondamentale della progettazione Fassi, ha dimostrato come la valenza innovativa delle due aziende è perfettamente compatibile. Bosch Rexroth è in grado di configurare il proprio prodotto alle specifiche di Fassi e quindi di adattare sempre le proprie valvole ad esigenze specifiche che la progettazione Fassi definisce di volta in volta per migliorare le performance delle proprie gru.

L’ultima generazione delle valvole XF di Bosch Rexroth ad esempio sono utilizzate nella gamma media delle gru Fassi a partire dal modello F245.2 e-dynamic e su tutti i modelli di gru su ralla fino ai modelli top di gamma. Questa serie di valvole è essenziale nella funzionalità dei martinetti di sollevamento dei bracci principali e secondari delle gru Fassi, supportando completamente la prestazionalità dei modelli di cui fanno parte.

Al Bauma le principali novità di prodotto di Fassi sono tutte equipaggiate con le valvole della serie XF, presettate espressamente per Fassi da Bosch Rexroth. In definitiva svariate migliaia di pezzi forniti all’anno dall’azienda tedesca al gruppo industriale italiano testimoniano la solidità della partnership tra le due aziende.

Sicuramente l’ottima rapporto che si è creato nel tempo tra queste aziende costituisce la miglior base per affrontare insieme le prossime sfide dell’innovazione.

Eurocomach ad un livello superiore grazie all‘equipaggiamento elettroidraulico Rexroth

Il modello gommato ESK 190 si affianca agli attuali modelli ESK 130.5 ed ESK 150.5 e rappresenta un importante ampliamento proiettando la gamma ad un livello superiore.

La ESK190 ha un peso totale di 4350 kg, un carico operativo di 1650 kg ed una capacità benna di 0,62 m3. Il sollevamento verticale permetterà il carico dei mezzi d’opera e la trasmissione di raggiungere in seconda velocità i 18 km/h. La macchina sarà equipaggiata di motore Yanmar 63,9 kW (86,9 HP ) EPA TIER 3. Eurocomach sceglie Rexroth per l’equipaggiamento elettroidraulico con un pacchetto composto da pompe per la trasmissione e l’implement, motori radiali, joystick elettronici e centralina con software dedicato.

Il sistema Rexroth permette di sfruttare tutta la potenza disponibile del motore diesel, gestendo contemporaneamente la trasmissione in circuito chiuso elettro-attuata e la pompa implement dotata di over-ride elettronico.

Il modello ETL 200 va a completare la gamma dei cingolati affiancando i più piccoli ETL 140.5 ed ETL 160.5.

Le caratteristiche generali della macchina sono: peso totale 5470 kg, larghezza mm 2090 e capacità benna di 0,68 m3. Il modello presentato in fiera monta motore Yanmar da 53,7 kW ( 73 HP ) EPA Tier 4. Le restrizioni normative del Tier 4 final sono state al centro dell’attenzione del mercato delle macchine operatrici, in questo caso l’equipaggiamento Rexroth diventa ancora più importante per ottenere performance di lavoro che erano finora consentite a macchine di classe di potenza superiore.

Espressamente studiate per l’utilizzo di molteplici attrezzature, quali trincia ad uso forestale e frese da asfalto, ESK 190 ed ETL 200, sono caratterizzate da elevata flessibilità, grazie a funzioni di lavoro dedicate (es.: milling mode) e ad altre peculiarità che incrementano la manovrabilità della macchina, quali: la disponibilità di ISO ed H pattern, la sterzatura di tipo automotive, la personalizzazione del comportamento macchina con diversi driving mode (soft, medium, hard), non ultima la funzionalità ECO mode per ridurre i consumi della macchina in trasferimento.

GF Gordini presenta alcune attrezzature equipaggiate con Rexroth

Tra i diversi modelli di attrezzature per macchine mobili operatrici prodotti da GF Gordini esposti tra le novità a Bauma 2016 ed equipaggiati con motori radiali Bosch Rexroth, troviamo la fresatrice CP100.15, adatta per il lavoro su superfici sia in asfalto che in cemento. L’attrezzo è in grado di regolare la profondità di scavo con slitte di appoggio indipendenti. Il telaio, corredato da due ruote in acciaio, è studiato per fornire la necessaria stabilità per un lavoro di precisione anche a filo muro, grazie alla traslazione laterale idraulica dell’attrezzo. La possibilità di una inclinazione meccanica dell’attrezzo fino a 20°, conferisce un’ulteriore flessibilità d’uso.

La fresatrice basculante per braccio escavatore CPB60.17 utilizza una tecnica a tamburo con denti per asfalto, la regolazione della profondità di lavoro è meccanica con vite telescopica.

In esposizione a Bauma, inoltre, troviamo l’escavatrice a ruota WE450, che offre la regolazione idraulica della profondità di lavoro e la traslazione idraulica laterale. Quest’ultima gamma di macchine offrono anche la marcia indietro con possibilità di scavo anche in questa direzione di marcia.